Google Home vs Amazon Alexa: quale assistente vocale scegliere?

Amazon Alexa e Google Home sono i due colossi che dominano il mercato degli altoparlanti intelligenti. Per rendere domotica la smart home e gestire vari dispositivi con il controllo vocale hai bisogno di uno smart speaker.

In questo articolo analizziamo questi due device, cercando di capire quale sia il migliore e soprattutto quali sono le differenze tra l’uno e l’altro. Vedremo anche i dispositivi compatibili con Google Home e con Alexa.

Introduzione al mondo degli assistenti vocali

Ambedue dotati delle ultime tecnologie sono altoparlanti altamente affidabili e facili da gestire. Per dare il via all’attivazione di Alexa si possono utilizzare quattro diverse parole a scelta, Echo, Computer, Alexa o Amazon. Per Google Home bisogna pronunciare Ehi Google oppure Ok Google.

Sono molto simili non appena ci si inoltra nella modalità conversazione: Alexa sfrutta Alexa Follow Up ed anche Google consente di porre domande di follw-up. In questo modo non occorre ripetere ogni volta il termine di attivazione ma si può procedere con una nuova richiesta.

Alexa vs Google home

Per quanto riguarda il riconoscimento della voce, i due smart speaker sono praticamente allo stesso livello ed entrambi consentono l’impostazione di più di un profilo utente. In questo modo il dispositivo riconosce la voce di chi parla ed emette una risposta mirata.

Possiamo però dire che Alexa è un gradino più in alto per ciò che concerne il controllo domotico della smart home mentre Google Assistant la supera in fatto di informazioni che fornisce.

Alexa è molto reattiva e riesce a dare risposte personalizzate e contestualizzate. Se l’utente parla a voce bassa “comprende” che c’è un motivo per cui sussurra e di conseguenza la risposta emessa sarà anch’essa sussurrata. Inoltre cambia anche il tono in base a ciò che sta pronunciando. Se vuoi ascoltare le news emetterà informazioni con un taglio giornalistico.

Google Home sta cercando di limare questo piccolo vantaggio di Alexa ed arrivare alla pari con lo smart speaker di Amazon. Per quanto riguarda l’integrazione è già presente con Google Drive, Gmail e Google Calendar. Ed anche la risposta alle ricerche di informazioni risulta ottimale e molto completa.

Dispositivi compatibili con Google Home

Vediamo adesso nel dettaglio quali sono i principali dispositivi compatibili con l’assistente vocale di Google. Ci sono Google Nest Audio, la versione ridotta Google Nest Mini e Google Home Max. Quest’ultima tipologia permette di ascoltare anche musica con un’ottima qualità audio.

Un altro valido prodotto è Google Nest Hub, che in combo con Google Home consente di avere video e foto molto chiari e dispone di un touchscreen molto intuitivo. Non possiede una fotocamera ma si rivela molto performante nell’uso e serve per controllare altri elementi smart.

Tra i prodotti compatibili con lo smart speaker di Google ci sono anche Google Chromecast, che nell’ultima versione integra anche Google TV con tante app e Lenovo Smart Display. Quest’ultimo è il primo schermo smart che integra Google Home con il quale si possono fare videocall e vedere contenuti su YouTube.

In questo elenco includiamo anche Nvidia Shield Tv, un dispositivo da collocare dietro la tv che serve anche per controllare la smart home. Infine c’è Nest Cam IQ, un apparecchio per interni che rende la videocamera di sicurezza un vero e proprio altoparlante.

Dispositivi compatibili con Alexa

Tra i prodotti compatibili con Alexa c’è Amazon Echo nelle varie versioni. Gli ultimi arrivati sono Echo Show 10 e 8, progettati con un woofer potente e un nuovo display HD. Risultano molto silenziosi e sono in grado di mantenere inquadrata la persona presente nella stanza in qualsiasi angolazione si trovi.

Anche Echo Dot 4 è uno dei migliori prodotti tra gli altoparlanti compatibili con Alexa. Di forma sferica, è in grado di adattare l’audio in base al rumore esterno ed ha un woofer da 3 pollici. Echo Dot 3 è invece molto piccolo come l’Home Mini per cui si può collocare in ogni contesto della casa.

Chi ama ascoltare musica può usufruire della qualità dell’altoparlante Sonos One compatibile con Alexa, o di Sonos Beam, utile per guardare contenuti tv. Per ottenere il massimo anche in 4K puoi scegliere Fire TV Cube, che ben si connette allo smart speaker.

Tra gli interruttori intelligenti compatibili con Alexa e i termostati smart Ecobee c’è infine Ecobee Switch+. Utilizza sensori di ultima generazione e supporta l’integrazione con molte piattaforme dedicate alla smart home.

Gestire la domotica con Echo show

Lo schermo intelligente è una sorta di monitor dal quale potrai controllare tutti i dispositivi domotici connessi all’interno di casa. E’ molto utile per controllarli tutti insieme senza dover scaricare app diverse sullo smartphone.

Uno dei migliori schermi intelligenti in circolazione è l’Echo Show di Amazon. Ha un display da 8 pollici dal quale potrai gestire tutti prodotti smart che hai in casa, vedere video, ascoltare musica. Per quanto riguarda le funzioni di controller è veramente soddisfacente e permette anche di impostare automazioni personalizzate.

Per quanto riguarda gli schermi intelligenti Google non ha sul mercato un prodotto simile, per cui in questo caso Amazon primeggia.

Conclusioni

L’obiettivo della domotica è quello di vivere in una casa intelligente in cui moltissimi elementi possano interagire fra loro ed essere comandati e controllati anche a distanza e con la voce. La smart home funziona utilizzando la rete wireless domestica alla quale vanno connessi tutti i device presenti.

E per gestire con la voce i vari apparecchi occorre fare ricorso ad un assistente vocale come Alexa o Google Home. A questo proposito ribadiamo che Alexa in fatto di controllo esercitato sui dispositivi smart presenti in casa si attesta come leader.

Può infatti controllare più di 100 mila dispositivi contro gli oltre 50 mila di Google Home. Stiamo parlando di svariati oggetti wifi, dagli interruttori fino agli accessori per il riscaldamento. La grande quantità di prodotti compatibili con Alexa presenti in commercio facilitano agli utenti la scelta e possono anche optare per fasce di prezzo diverse.

Al termine di questo confronto che ha riguardato varie caratteristiche dei due assistenti vocali la spunta Alexa, anche se di poco. Lo smart speaker di Amazon supporta molti più prodotti e fornisce anche un controllo migliore. Google Home si distingue per l’ottima interazione con l’interlocutore e presenta un cervello più esteso.

About Author

Pasquale Palmiotto

Autore e fondatore di Bioarchitettura e Domotica. Diplomato geometra contro la mia volontà (preferivo il liceo classico), ho dovuto combattere parecchio per ritrovare la strada da cui ero stato forzatamente allontanato e tornare a fare quello che mi piace di più: scrivere (per il web). Quando la mia passione ha incontrato la domotica è stato naturale aprire un sito dove condividere guide e recensioni sui prodotti smart.