Cementite: cos’è, a cosa serve e come utilizzarla

La cementite è un materiale che si utilizza in diversi ambiti ed a seconda del suo impiego ha consistenza e composizioni diverse. In questa guida analizzeremo la cementite specifica per trattare il legno grezzo, utilizzata nel campo del bricolage e di piccoli lavoretti. Consiste in uno strato omogeneo di prodotto che viene steso sul legno prima dell’applicazione della vernice.

Come usare la cementite

La cementite si usa anche nel settore dell’edilizia e serve per produrre rivestimenti e mattonelle. La sua diffusione è iniziata a partire dall’Ottocento ed oggi è un materiale versatile utilizzato per pavimentazioni e soffitti. E’ prodotto dalla miscelazione di cemento multistrato, polveri di marmo e pigmenti organici.

L’industria siderurgica sfrutta la cementite per produrre acciaio in quanto in chimica essa è un carburo di ferro. Si tratta di un materiale composto dal 93,3% di ferro e dal 6,67% da carbonio. Sempre nel settore industriale la cementite si usa per svariate applicazioni.

Cementite per legno

Il legno naturale viene trattato con la cementite prima di essere sottoposto alla fase di verniciatura. Così facendo si ottiene una superficie più liscia e omogenea sulla quale stendere il colore, che inoltre non verrà assorbito dal legno. La cementite in commercio, come le vernici e le pitture, può essere a base di acqua o a solvente.

Cementite ad acqua

La cementite a base d’acqua contiene meno composti organici volatili (VOC) rispetto a quella a solvente. E’ quindi meno dannosa per la salute dell’ambiente e dell’uomo. Ha il pregio di asciugare più velocemente per cui va stesa in maniera rapida in modo che non si vedano i segni delle pennellate sul legno. Richiede l’uso di pennelli a setole sintetiche, che una volta lavati con acqua si possono adoperare per altri scopi.

Cementite a solvente

La cementite a solvente contiene petrolio bianco o acqua ragia ed è un prodotto a base di oli, più nocivo in quanto rilascia maggiori quantità di composti volatili organici. Va applicata con pennelli in setole naturali che dopo l’uso vanno subito lavati con acqua ragia. Lo stesso pennello non può in seguito essere utilizzato per stendere vernici a base d’acqua o colori acrilici.

Molti credono che la cementite a solvente sia più resistente rispetto a quella ad acqua ma non è così. Impiega più tempo ad asciugare e non è adatta ad ambienti particolarmente ricchi di umidità.

Cementite spray per il legno

In commercio si trova anche la cementite disponibile in una pratica bomboletta spray, concepita per renderne più semplice l’applicazione. Questo sistema non è tuttavia semplice come può sembrare perché lo spray nebulizzato potrebbe sporcare altri arredi. Per questo il consiglio è quello di proteggere e coprire con teli gli arredi vicini prima di nebulizzare la cementite. Le bombolette spray rappresentano una soluzione ottimale se si devono eseguire lavori particolarmente lunghi e complessi. Negli altri casi è preferibile utilizzare un pennello o un rullo perché la cementite è un composto denso e omogeneo.

Come usare la cementite sul legno

Il modo migliore per usare la cementite sul legno è stenderla con il pennello. Prima va miscelata molto bene e poi va mescolata spesso anche durante l’uso. Passata la prima mano va lasciata asciugare a fondo e poi sul legno si passa la carta abrasiva a grana grossolana, tipo 100.

In questo modo la superficie risulta ben levigata e pronta a ricevere una seconda mano di cementite. Si ripete il procedimento precedente e trascorso il tempo necessario all’asciugatura si provvede alla carteggiatura. Questa volta si impiega una carta abrasiva a gran più fine, tipo 220, e poi il legno è pronto per la tinteggiatura finale. 

About Author

Pasquale Palmiotto

Autore e fondatore di Bioarchitettura e Domotica. Diplomato geometra contro la mia volontà (preferivo liceo classico e lettere), ho dovuto combattere parecchio per ritrovare la strada da cui ero stato allontanato e tornare a fare quello che mi piace di più: scrivere.