Migliori lampadine smart 2021: guida alla scelta

Le lampadine smart sono tra i dispositivi più venduti, insieme alle prese smart plug wifi, per rendere domotica la propria casa. Funzionano a LED e sono luci che possiamo controllare anche da remoto quando siamo lontani dall’abitazione. Inoltre se ne può programmare l’accensione e lo spegnimento anche a distanza.

Sul mercato troviamo numerose tipologie di lampadine smart, che si differenziano per il colore ed anche per il funzionamento. Alcuni di esse infatti possono accendersi o spegnersi anche col semplice rilevamento della presenza di una persona.

In questa guida approfondiamo l’argomento, andando ad appurare le principali caratteristiche delle lampadine smart, in modo da scegliere un prodotto utile alle nostre finalità.

Migliori lampadine smart

Di seguito vediamo la lista delle migliori lampadine smart compatibili:

  • Emuni Lampadine Alexa Led E27 WiFi
  • Shanyao – 3 Lampadine candela C37 LED E14
  • Philips Hue White and Color Ambiance E27
  • TP-Link Lampadina WiFi LED Smart Multicolore E27
  • Antela Lampadine LED Alexa WiFi E27
  • Bakibo Lampadina Wifi Led Smart Dimmerabile E27
  • Lomota Lampadina Wi-Fi Dimmerabile E27
  • Meross Lampadina Wifi LED 9W Dimmerabile E27

ed ora vediamo nel dettaglio la recensione di ciascuna di queste lampadine smart per capire quale acquistare.

Come funziona una lampadina smart

Le lampadine smart sono dispositivi personalizzabili a seconda delle proprie esigenze. Ognuno dei prodotti presenti in commercio può avere caratteristiche diverse ma di base tutte le lampadine smart consentono di modificare l’intensità della luce e la tonalità del colore.

Per funzionare la lampadina intelligente necessita di una connessione internet, solitamente ci si affida a quella che interessa e regola il sistema domotico domestico. Si possono collegare alla rete anche tramite wifi, Bluetooth e Zigbee. Il grande vantaggio delle lampadine smart sta nella possibilità di poterle gestire a distanza con smartphone e tablet utilizzando una semplice app. Inoltre sono compatibili con gli assistenti vocali come Amazon Alexa e Google Assistant.

Caratteristiche da considerare per la scelta di una lampadina smart

Come per altri prodotti domotici anche le lampadine smart per interagire con altri device presenti in casa devono avere la massima compatibilità. Ecco quali sono gli aspetti da considerare prima dell’acquisto.

Tipologia di attacco

A vite, a blocco e a bispina sono gli attacchi delle lampadine più diffusi. Quelle a vite sono le più comuni e sono quelle che tutti abbiamo in casa, in genere l’attacco è identificato con i codici e14 ed e27. Il numero indica la grandezza della vite per cui più è grande maggiore sarà il numero riportato sulla lampadina.

Questi codici servono proprio per capire quale sia l’attacco giusto per poter avvitare la lampada al lampadario o ai punti luce di casa. Si trovano su tutte le scatole dei prodotti e nel caso di acquisti sul web puoi verificarlo nella scheda informativa. I codici G4, G9, G10 e altri indicano invece gli attacchi a blocco e a bispina, che interessano i faretti. Esistono poi anche altre tipologie di attacchi, meno conosciuti come gli attacchi a Plug, le SMD e le R7S.

Luminosità

La luminosità di una lampadina viene misurata in Lumen, dato che si trova indicato su ogni confezione. Maggiore è la capacità luminosa più elevato sarà il valore espresso. Per sapere quanto consuma una lampadina puoi utilizzare un wattometro. In questo modo potrai decidere se in futuro acquistare nuovamente la stessa lampadina o orientarti su un modello diverso.

Tipo di colore

La luce prodotta da una lampadina corrisponde alla temperatura del colore e si misura in gradi Kelvin. Come forse saprai la luce si divide in calda, fredda e naturale. La tonalità calda corrisponde a 2800 K ed emana una luce calda e avvolgente.

Quella fredda è pari a 6200 K e tende a produrre una luce azzurrognola mentre la tonalità naturale assomiglia al bianco puro e corrisponde a circa 4000 K. La scelta della tonalità con la quale illuminare le stanze è del tutto soggettiva e dipende anche da quale contesto si desidera illuminare.

Non bisogna dimenticare che una luce calda sprigiona gioia e vitalità e per questo è più indicata per zone giorno e cucina. na luce fredda trasmette una maggiore sensazione di tranquillità e calma e si adatta ad esempio molto bene alla stanza da letto.

Potenza e consumi

Quasi tutte le lampadine smart sono a LED ed hanno un consumo energetico molto ridotto, neppur paragonabile alle vecchie lampadine ad incandescenza. Queste ultime, considerando lo stesso livello di luminosità, “bruciavano” dai 40 ai 200 Watt all’ora. Le lampadine smart ne consumano soltanto dai 3 agli 11 W all’ora.

Compatibilità con gli assistenti vocali

Infine non dimenticare di valutare la compatibilità della lampadina smart che intendi comprare con lo smart speaker che hai in casa. Solo se i due dispositivi si possono connettere tra loro potrai gestirli con il controllo vocale. Per avere quest’informazione consulta la scheda del prodotto che hai scelto che si trova sia online che sulla scatola.

About Author

Pasquale Palmiotto

Autore e fondatore di Bioarchitettura e Domotica. Diplomato geometra contro la mia volontà (preferivo il liceo classico), ho dovuto combattere parecchio per ritrovare la strada da cui ero stato forzatamente allontanato e tornare a fare quello che mi piace di più: scrivere (per il web). Quando la mia passione ha incontrato la domotica è stato naturale aprire un sito dove condividere guide e recensioni sui prodotti smart.